Per i nostri servizi potrebbero essere utilizzati cookies anche di terze parti.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.

Ulteriori Informazioni    OK
Dettagli/Details

Per il pubblico ufficiale che minaccia controlli è configurabile il reato di concussione

Commento a Decisione Giurisprudenziale - A cura di Fulvio Graziotto - Avvocato in Sanremo (Imperia)

Il discrimine tra la concussione ex art. 317 c.p. e la induzione indebita ex art. 319-quater è la minaccia/non minaccia.

Decisione: Sentenza n. 6659/2016 Cassazione Penale - Sezione VI

Classificazione: Penale

Parole chiave: concussione



Il caso.



Un dipendente dell'Agenzia delle Entrate di Varese veniva condannato dalla Corte di Appello di Milano per il reato di concussione, per aver costretto un contribuente a promettergli l'indebita corresponsione della somma di Euro 5mila, di cui metà materialmente consegnata.

La sentenza viene impugnata con ricorso in Cassazione deducendo, tra gli altri, anche la errata qualificazione dei fatti in termine di concussione anziché in quella descritta dal sopravvenuto art. 319 quater codice penale.



La decisione.

La Corte rigetta il ricorso in quanto infondato.

La Corte ha ritenuto che il giudice di appello avesse accertato che "il rapporto fra le parti non si svolgesse affatto su di un piano di parità" in quanto il funzionario aveva assunto l'iniziativa di prendere contatto con il contribuente, e che la testimonianza della sua commercialista aveva dato conto sia della sostanziale linearità della sua posizione fiscale, sia dello stato di metus (cioè di paura, grave timore, soggezione psicologica) in cui egli versava.

Essendo quello demandato alla Corte di Cassazione un giudizio di legittimità e non di merito, «la dedotta violazione di legge scaturisce da un'alternativa lettura delle risultanze fattuali debitamente acquisite agli atti del processo», e come tale il motivo di censura non è consentito.

La Cassazione ha poi ricordato che la giurisprudenza contabile della Corte dei Conti è indipendente da quella civile e penale per il risarcimento dei danni da reato anche quando si basa sullo stesso fatto materiale.



Osservazioni.

Sul reato di induzione indebita di cui all'art. 319-quater codice penale introdotto dalla Legge n. 190/2012 (cd. "Severino"), che ha "spacchettato" l'originaria ipotesi della concussione ex art. 317 codice penale, le Sezioni Unite Penali della Cassazione (sentenza n. 12228/2014) hannoo consacrato il prevalente orientamento giurisprudenziale della continuità normativa tra le due fattispecie, con la conseguente applicazione della disciplina relativa alla mera successione di leggi nel tempo prevista dall'art. 2, comma 4, codice penale, anziché una ipotesi di "abolitio criminis" ai sensi dell'art. 2, comma 2, codice penale.

Sempre nella stessa sentenza, le Sezioni Unite Penali hanno chiarito il criterio discretivo tra le due ipotesi delittuose, che si basa sulla dicotomia "minaccia-non minaccia": questa dicotomia non è altro che l'altra faccia della medaglia rispetto alla dicotomia "costrizione-induzione".





Disposizioni rilevanti.

Codice Penale

Articolo 2 - Successione di leggi penali

Nessuno può essere punito per un fatto che, secondo la legge del tempo in cui fu commesso, non costituiva reato (Cost. 25, c. 2).

Nessuno può essere punito per un fatto che, secondo una legge posteriore, non costituisce reato (prel. 15); e se vi è stata condanna (442, 448, 460, 533, 648), ne cessano l'esecuzione (cpp 648, 650) e gli effetti penali.

Se vi è stata condanna a pena detentiva e la legge posteriore prevede esclusivamente la pena pecuniaria, la pena detentiva inflitta si converte immediatamente nella corrispondente pena pecuniaria, ai sensi dell'articolo 135.

Se la legge del tempo in cui fu commesso il reato e le posteriori sono diverse, si applica quella le cui disposizioni sono più favorevoli al reo, salvo che sia stata pronunciata sentenza irrevocabile (cpp 648, 650).

Se si tratta di leggi eccezionali o temporanee, non si applicano le disposizioni dei capoversi precedenti.

Le disposizioni di questo articolo si applicano altresì nei casi di decadenza e di mancata ratifica di un decreto-legge e nel caso di un decreto-legge convertito in legge con emendamenti.

Articolo 317 - Concussione

Il pubblico ufficiale che, abusando della sua qualità o dei suoi poteri, costringe taluno a dare o a promettere indebitamente, a lui o a un terzo, denaro o altra utilità e' punito con la reclusione da sei a dodici anni.

Articolo 319 quater - Induzione indebita a dare o promettere utilità

Salvo che il fatto costituisca più grave reato, il pubblico ufficiale o l'incaricato di pubblico servizio che, abusando della sua qualità o dei suoi poteri, induce taluno a dare o a promettere indebitamente, a lui o a un terzo, denaro o altra utilità è punito con la reclusione da tre a otto anni.

Nei casi previsti dal primo comma, chi dà o promette denaro o altra utilità è punito con la reclusione fino a tre anni.

Assistenza su questo argomento

Serve assistenza su questo argomento?

Può essere utile sapere che ci occupiamo anche di tutte le questioni e problematiche legali collegate, tra cui:

  • assistenza in sede stragiudiziale
  • assistenza in sede giudiziale e di contenzioso
  • azioni e tutela a difesa, esecutive e cautelari
  • consulenza
  • due diligence legale
  • esecuzione anche all'estero
  • pareri e raccomandazioni
  • revisione/stesura dei testi
  • ricerche di giurisprudenza sull'argomento
  • riduzione dei rischi legali
  • supporto operativo legale

Qui sotto trovi tutti i riferimenti dello Studio per contattarci con la modalità preferita:

Riferimenti

 

Studio Graziotto

Ufficio principale:
Via G. Matteotti, 194
18038 Sanremo IM
ITALY
Si riceve solo su appuntamento
(recapiti e corrispondenti in varie città)

Richieste:
Appuntamenti: In videoconferenza (Skype®, ecc.)
" In Studio a Sanremo
" Telefonici
" Presso il Cliente
Consulenza: Richiedi una Consulenza
Preventivi: Chiedi un Preventivo gratuito
Domiciliazioni: Domiciliazioni Tribunale di Imperia
Contattaci: Compila il modulo

Riferimenti:
Tel: 0184 189 4317
Fax: 0184 509 510
SMS: 348 001 7380
Email: info@studiograziotto.com
Web: http://www.studiograziotto.com

Prime informazioni e Tariffe:
Info e Tariffe: Informazioni di sintesi e tariffe
Assistenza giudiziale: D.M. Giustizia N. 55 2014 - Nuovi Parametri Forensi

Profilo del Titolare:
LinkedIn®: https://www.linkedin.com/in/fulviograziotto
Scheda di sintesi: Profilo professionale (sintetico)


©
Per aggiornarsi facilmente e rimanere in contatto Aggiornarsi è semplice: aggiungetemi ai vostri contatti e rimarremo in contatto più facilmente.
FacebookFacebook:https://it-it.facebook.com/public/Fulvio-Graziotto
Google+Google+: https://plus.google.com/u/0/+FulvioGraziotto
LinkedInLinkedIn:https://it.linkedin.com/in/fulviograziotto
TwitterTwitter:https://twitter.com/GraziottoFulvio
Memberships
Global Law ExpertsGLE:Global Law ExpertsExclusive Private Equity law expert in Italy
IR Global, world’s leading legal, accountancy and financial advisersIR Global:IR GlobalExclusive M&A Member in Italy
AAALAAAL:Associazione Avvocati Amministrativisti LiguriSocio Aderente
AIDA-IFLAAIDA-IFLA:Associazione Italiana di Diritto AlimentareSocio Ordinario
AIDENAIDEN:Associazione Italiana di Diritto dell'EnergiaSocio Professionista
Camera Civile di ImperiaCamera Civile:Camera Civile di ImperiaSocio Aderente
Coperture assicurative

Polizza assicurativa #IFL0006526.002587 conforme D.M. 22-9-2016 stipulata con MARSH SpA per i seguenti massimali (esclusi Canada e USA):

  • responsabilità civile professionale: massimale di € 2 milioni per sinistro e per periodo assicurativo
  • responsabilità civile terzi conduzione ufficio: massimale di € 500 mila per sinistro e € 2 milioni e per periodo assicurativo
  • responsabilità civile prestatori d'opera: massimale di € 500 mila per sinistro e € 2 milioni e per periodo assicurativo
Dove operiamo

I nostri uffici principali sono a Sanremo (IM), ma assistiamo le aziende in tutta Italia e all'estero.

In particolare, operiamo nelle seguenti località e regioni:

  • Sanremo, Imperia, Savona, Genova, Alessandria, Torino, Milano

  • Liguria, Piemonte, Lombardia, Toscana, Emilia-Romagna, Veneto

Inoltre siamo in grado di prestare un'assistenza globale in oltre 150 giurisdizioni all'estero.

Vuoi approfondire? Contattaci  IT  EN