Per i nostri servizi potrebbero essere utilizzati cookies anche di terze parti.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.

Ulteriori Informazioni    OK
Dettagli/Details

In tema di cessione di azienda la conformità alla normativa amministrativa è qualità essenziale implicita

Commento a Decisione Giurisprudenziale - A cura di Fulvio Graziotto - Avvocato in Sanremo (Imperia)

In tema di cessione di azienda avente ad oggetto la somministrazione di alimenti e bevande, la non conformità alla normativa amministrativa, in particolare al regolamento di Igiene, è un requisito che - in mancanza di patto contrario - deve ritenersi implicitamente richiesto costituendo una qualità essenziale per il legittimo svolgimento dell'attività aziendale.

Decisione: Sentenza n. 10497/2017 Tribunale di Milano - Sezione specializzata in materia di impresa "A"

Classificazione: Civile, Commerciale

Parole chiave: #azienda, #cessionediazienda, #compravendita, #qualitàessenziali, #fulviograziotto, #scudolegale

Il caso.

Il titolare di un'impresa individuale cedeva l'azienda, costituita da bar in chiosco e tavola fredda, a una società.

Dopo essere stata immessa nel possesso, la società acquirente scopriva che il chiosco era sprovvisto di allacciamento al'impianto pubblico fognario, con violazione delle disposizioni amministrative che regolavano l'esercizio dell'attività.

Dopo aver eccepito l'aspetto al cedente, provvedeva ad eseguire le opere necessarie per rendere l'esercizio conforme, chiedendo poi i danni, allegando un inadempimento del venditore che avrebbe ceduto un bene privo delle qualità necessarie per l'uso, aspetto questo che avrebbe costituito un elemento determinante per la conclusione dell'accordo.

Il Tribunale accoglie la domanda e condanna il cedente.

La decisione.

Per il Collegio, «Il mancato allacciamento all‟impianto fognario milanese ha dato luogo all‟assenza di un elemento essenziale per l‟esercizio dell‟attività commerciale dedotta in contratto, e cioè l‟attività di somministrazione di cibi e bevande mediante l‟attrezzamento di un chiosco e dell‟area allo stesso limitrofa. Infatti a norma il Regolamento di edilizia del Comune di Milano le attività svolte all‟interno del chiostro devono rispettare le norme sancite dal vigente Regolamento di Igiene che, come osservato dal CTU richiede il collegamento degli scarichi delle acque chiare e scure dell‟esercizio alla fognatura pubblica».

Per i Giudici, «la non conformità alla normativa amministrativa, con particolare riguardo al Regolamento di Igiene, è un requisito che, in mancanza di patto contrario, non previsto nel contratto de quo, deve ritenersi implicitamente richiesto, costituendo una qualità essenziale per il legittimo svolgimento dell‟attività aziendale».

Ne consegue che il cedente «ha dato luogo ad un inesatto adempimento delle obbligazioni a proprio carico, rilevante ai sensi dell‟art. 1497 c.c. (Cass. 2006/7561)».

Ciò precisato, il Tribunale passa ad esaminare l'aspetto risarcitorio, richiamandosi all'art. 1494 codice civile, che «pacificamente disciplina tutte le ipotesi di vendita di cosa viziata o mancante di qualità promesse o essenziali. Detta norma sancisce l‟obbligo del venditore di risarcire al compratore i danni, se non prova di aver ignorato senza sua colpa i vizi della cosa».

Richiamandosi all'orientamento giurisprudenziale afferma che l'art. 1494 c.c. delinea una presunzione di conoscenza dei vizi da parte del venditore, sul quale incombe l'onere di fornire la prova liberatoria: «Secondo consolidata interpretazione giurisprudenziale detta norma pone a carico del venditore una presunzione di conoscenza di detti vizi, anche se occulti, per cui l'obbligo della garanzia è escluso soltanto se il venditore fornisca la prova liberatoria di avere ignorato senza sua colpa i vizi medesimi».

Stante la contumacia del cedente nel procedimento, non vi è la dimostrazione di tale prova liberatoria, e ne consegue il riconoscimento del diritto di parte attrice a vedersi risarcito il danno, che il Collegio ha liquidato tenendo conto anche delle risultanze della consulenza tecnica d'ufficio esperita.

Osservazioni.

Il Tribunale si è pronunciato accertando l'inadempimento del cedente ai sensi dell'art. 1497 c.c., condannandolo al pagamento dei danni patiti dal cessionario.

Nel quantificarli, ha richamato una pronuncia della Suprema Corte: «Ai fini della quantificazione in oggetto giova, pertanto, richiamare il principio giurisprudenziale in forza del quale ai fini del risarcimento del danno non occorre la prova dell‟effettiva eliminazione del vizio (i.e. nella fattispecie, dell‟adeguamento del chiosco alla normativa vigente; Cass. 2014/13717) ma solo la necessità di eliminazione dello stesso, determinante, comunque una diminuzione di valore della res tradita».

Ma il punto centrale della decisione è quello relativo alla valenza di qualità essenziale della conformità alla normativa amministrativa, che per i giudici milanesi è un requisito che deve ritenersi implicitamente richiesto.


Giurisprudenza rilevante.

  1. Cass. 7561/2006
  2. Cass. 13717/2014

Disposizioni rilevanti.

Codice civile

Vigente al: 18-03-2018

Art. 1494 - Risarcimento del danno

In ogni caso il venditore è tenuto verso il compratore al risarcimento del danno, se non prova di avere ignorato senza colpa i vizi della cosa.

Il venditore deve altresì risarcire al compratore i danni derivati dai vizi della cosa.

Art. 1497 - Mancanza di qualità

Quando la cosa venduta non ha le qualità promesse ovvero quelle essenziali per l'uso a cui è destinata, il compratore ha diritto di ottenere la risoluzione del contratto secondo le disposizioni generali sulla risoluzione per inadempimento, purchè il difetto di qualità ecceda i limiti di tolleranza stabiliti dagli usi.

Tuttavia il diritto di ottenere la risoluzione è soggetto alla decadenza e alla prescrizione stabilite dall'art. 1495.

Permalink al Testo Integrale
Assistenza su questo argomento

Serve assistenza su questo argomento?

Può essere utile sapere che ci occupiamo anche di tutte le questioni e problematiche legali collegate, tra cui:

  • assistenza in sede stragiudiziale
  • assistenza in sede giudiziale e di contenzioso
  • azioni e tutela a difesa, esecutive e cautelari
  • consulenza
  • due diligence legale
  • esecuzione anche all'estero
  • pareri e raccomandazioni
  • revisione/stesura dei testi
  • ricerche di giurisprudenza sull'argomento
  • riduzione dei rischi legali
  • supporto operativo legale

Qui sotto trovi tutti i riferimenti dello Studio per contattarci con la modalità preferita:

QR Code con i dati di contatto completi

Leggendo il QR Code con il cellulare è possibile salvare nella rubrica i dati di contatto e l'URL al profilo con i riferimenti completi:

Riferimenti

 

Studio Graziotto

Ufficio principale:
Via G. Matteotti, 194
18038 Sanremo IM
ITALY
Si riceve solo su appuntamento
(recapiti e corrispondenti in varie città)

Richieste:
Appuntamenti: In videoconferenza (Skype®, ecc.)
" In Studio a Sanremo
" Telefonici
" Presso il Cliente
Consulenza: Richiedi una Consulenza
Preventivi: Chiedi un Preventivo gratuito
Domiciliazioni: Domiciliazioni Tribunale di Imperia
Contattaci: Compila il modulo

Riferimenti:
Tel: 0184 189 4317 - 0184 509631
Fax: 0184 509 510
SMS: 348 001 7380
Email: info@studiograziotto.com
Web: http://www.studiograziotto.com

Prime informazioni e Tariffe:
Info e Tariffe: Informazioni di sintesi e tariffe
Assistenza giudiziale: D.M. Giustizia N. 55 2014 - Nuovi Parametri Forensi

Profilo del Titolare:
LinkedIn®: https://www.linkedin.com/in/fulviograziotto
Scheda di sintesi: Profilo professionale (sintetico)


©
Per aggiornarsi facilmente e rimanere in contatto Aggiornarsi è semplice: aggiungetemi ai vostri contatti e rimarremo in contatto più facilmente.
FacebookFacebook:https://it-it.facebook.com/public/Fulvio-Graziotto
Google+Google+: https://plus.google.com/u/0/+FulvioGraziotto
LinkedInLinkedIn:https://it.linkedin.com/in/fulviograziotto
TwitterTwitter:https://twitter.com/GraziottoFulvio
Memberships
Global Law ExpertsGLE:Global Law ExpertsExclusive Private Equity law expert in Italy
IR Global, world’s leading legal, accountancy and financial advisersIR Global:IR GlobalExclusive M&A Member in Italy
AAALAAAL:Associazione Avvocati Amministrativisti LiguriSocio Aderente
AIDA-IFLAAIDA-IFLA:Associazione Italiana di Diritto AlimentareSocio Ordinario
AIDENAIDEN:Associazione Italiana di Diritto dell'EnergiaSocio Professionista
Camera Civile di ImperiaCamera Civile:Camera Civile di ImperiaSocio Aderente
Coperture assicurative

Polizza assicurativa #IFL0006526.002587 conforme D.M. 22-9-2016 stipulata con MARSH SpA per i seguenti massimali (esclusi Canada e USA):

  • responsabilità civile professionale: massimale di € 2 milioni per sinistro e per periodo assicurativo
  • responsabilità civile terzi conduzione ufficio: massimale di € 500 mila per sinistro e € 2 milioni e per periodo assicurativo
  • responsabilità civile prestatori d'opera: massimale di € 500 mila per sinistro e € 2 milioni e per periodo assicurativo
Dove operiamo

I nostri uffici principali sono a Sanremo (IM), ma assistiamo le aziende in tutta Italia e all'estero.

In particolare, operiamo nelle seguenti località e regioni:

  • Sanremo, Imperia, Savona, Genova, Alessandria, Torino, Milano

  • Liguria, Piemonte, Lombardia, Toscana, Emilia-Romagna, Veneto

Inoltre siamo in grado di prestare un'assistenza globale in oltre 150 giurisdizioni all'estero.

Vuoi approfondire? Contattaci  IT  EN