Dettagli/Details

Appello inammissibile se le doglianze non dialogano con la pronuncia impugnata

Massima Giurisprudenziale - A cura di Fulvio Graziotto - Avvocato in Sanremo (Imperia)

E' inammissibile l'appello nel quale le doglianze proposte dall'appellante "non dialoghino" con la pronuncia di primo grado ove le deduzioni sono del tutto inconferenti rispetto al decisum e non siano pertinenti rispetto alle soluzioni accolte dal primo giudice.

Decisione: Ordinanza n. 21824/2019 Cassazione Civile - Sezione 2

Classificazione: Civile

Parole chiave: #appello, #civile, #contenziosocivile, #impugnazione, #diritto, #giurisprudenza, #cassazione, #contenzioso, #controversia, #giustizia, #ordinanza, #assistenzalegale, #consulenzalegale, #parerelegale, #tutelalegale, #avvocato, #avvocati, #aziende, #studiolegale, #studiolegalegraziotto, #fulviograziotto, #scudolegale, #attorney, #claim, #company, #dispute, #graziottolegal, #italy, #italianlawyer, #law, #lawfirm, #lawyer, #lawyers, #legal, #legaladvice, #legalassistanceinitaly, #litigation, #fulviograziotto, #legalshield

Massima: E' inammissibile l'appello nel quale le doglianze proposte dall'appellante "non dialoghino" con la pronuncia di primo grado poiché le deduzioni sono del tutto inconferenti rispetto al decisum e non sono pertinenti rispetto alle soluzioni accolte dal primo giudice.

Osservazioni.

La Corte di Appello aveva dichiarato inammissibile - ai sensi dell'art. 342 c.p.c. - l'appello proposto avverso la decisione con cui il Tribunale aveva respinto la domanda del promissario acquirente volta a far accertare il mancato avveramento della condizione apposta ad un contratto preliminare di vendita di quote sociali.

In accoglimento della domanda riconvenzionale, era stata dichiarata la legittimità del recesso della promittente venditrice, con diritto a trattenere la caparra.

Ma la Corte rilevava che l'impugnazione "non dialogava" con la sentenza di primo grado: con il primo motivo di appello il promissario acquirente aveva richiesto la restituzione della caparra in applicazione di una clausola del preliminare (che prevedeva l'integrale rimborso delle somme versate qualora l'ente competente non avesse autorizzato il trasferimento), ma la censura, a parere del Giudice distrettuale, ignorava totalmente la risposta data dal Tribunale, opponendovi obiezioni del tutto inconferenti, poiché il primo giudice aveva ritenuto inapplicabile la clausola invocata dall'appellante "per la preponderanza logico giuridica della legittimità del recesso della parte venditrice".

Anche il secondo motivo di appello, volto a denunciare l'errata applicazione dell'art. 1359 c.c., sollevava - a parere della Corte di merito - questioni del tutto estranee alle motivazioni della sentenza di primo grado, basate esclusivamente sulla legittimità del recesso.

A parere del ricorrente la Corte di merito avrebbe prescelto, tra le diverse opzioni interpretative dell'art. 342 c.p.c, la posizione più rigorosa, privilegiando le modalità di stesura dell'impugnazione e la osservanza di formule sacramentali a scapito della specificità, adeguatezza e pertinenza delle critiche mosse alla sentenza di primo grado.

Ma la Suprema Corte è di diverso avviso: per il Collegio, la Corte di Appello «non ha affatto dichiarato l'inammissibilità dell'appello a causa della mancata osservanza di modalità vincolanti sul piano formale, avendo - invece - ritenuto che le doglianze proposte dall'appellante non dialogassero con la pronuncia di primo grado e non fossero pertinenti rispetto alle soluzioni accolte dal primo giudice. Con entrambi i motivi di appello il ricorrente aveva, nella sostanza, dedotto che il rilascio dell'autorizzazione per il trasferimento delle quote sostanziasse una condizione legale di efficacia sottratta alla disciplina dell'art. 1359 c.c..».

Per la Cassazione, «Il giudice distrettuale ha invece ritenuto dette deduzioni fossero del tutto inconferenti rispetto al decisum, poiché il Tribunale aveva respinto la domanda di restituzione della caparra non in applicazione dell'art. 1359 c.c. ma perché i resistenti avevano legittimamente esercitato il recesso dal contratto».

Merita osservare che nel caso oggetto di decisione la promittente venditrice aveva proposto domanda riconvenzionale, a seguito della quale era stata dichiarata la legittimità del recesso con diritto a trattenere la caparra, e il Tribunale aveva ritenuto inapplicabile la clausola contrattuale invocata dal promissario acquirente «per la preponderanza logico giuridica della legittimità del recesso della parte venditrice».

Il ricorso viene quindi rigettato.


Disposizioni rilevanti.

Codice di procedura civile

Vigente al: 05-10-2019

Art. 342 - Forma d'appello

L'appello si propone con citazione contenente le indicazioni prescritte dall'articolo 163. L'appello deve essere motivato. La motivazione dell'appello deve contenere, a pena di inammissibilità:

1) l'indicazione delle parti del provvedimento che si intende appellare e delle modifiche che vengono richieste alla ricostruzione del fatto compiuta dal giudice di primo grado;

2) l'indicazione delle circostanze da cui deriva la violazione della legge e della loro rilevanza ai fini della decisione impugnata.

Tra il giorno della citazione e quello della prima udienza di trattazione devono intercorrere termini liberi non minori di quelli previsti dall'articolo 163 bis.

Permalink al Testo Integrale
Assistenza su questo argomento

Serve assistenza su questo argomento?

Può essere utile sapere che ci occupiamo anche di tutte le questioni e problematiche legali collegate, tra cui:

  • assistenza in sede stragiudiziale
  • assistenza in sede giudiziale e di contenzioso
  • azioni e tutela a difesa, esecutive e cautelari
  • consulenza
  • due diligence legale
  • esecuzione anche all'estero
  • pareri e raccomandazioni
  • revisione/stesura dei testi
  • ricerche di giurisprudenza sull'argomento
  • riduzione dei rischi legali
  • supporto operativo legale

Qui sotto trovi tutti i riferimenti dello Studio per contattarci con la modalità preferita:

QR Code con i dati di contatto completi

Leggendo il QR Code con il cellulare è possibile salvare nella rubrica i dati di contatto e l'URL al profilo con i riferimenti completi:

Riferimenti

 

Studio Graziotto

Ufficio principale:
Via G. Matteotti, 194
18038 Sanremo IM
ITALY
Si riceve solo su appuntamento
(recapiti e corrispondenti in varie città)

Richieste:
Appuntamenti: In videoconferenza (Skype®, ecc.)
" In Studio a Sanremo
" Telefonici
" Presso il Cliente
Consulenza: Richiedi una Consulenza
Preventivi: Chiedi un Preventivo gratuito
Domiciliazioni: Domiciliazioni Tribunale di Imperia
Contattaci: Compila il modulo

Riferimenti:
Tel: 0184 189 4317 - 0184 509631
Fax: 0184 509 510
SMS: 348 001 7380
Email: info@studiograziotto.com
Web: http://www.studiograziotto.com

Prime informazioni e Tariffe:
Info e Tariffe: Informazioni di sintesi e tariffe
Assistenza giudiziale: D.M. Giustizia N. 55 2014 - Nuovi Parametri Forensi

Profilo del Titolare:
LinkedIn®: https://www.linkedin.com/in/fulviograziotto
Scheda di sintesi: Profilo professionale (sintetico)


©
Per aggiornarsi facilmente e rimanere in contatto

Potete seguire gli aggiornamenti dell'avvocato Fulvio Graziotto sui seguenti social networks:

FacebookFacebook:https://it-it.facebook.com/public/Fulvio-Graziotto
Google+Google+: https://plus.google.com/u/0/+FulvioGraziotto
LinkedInLinkedIn:https://it.linkedin.com/in/fulviograziotto
TwitterTwitter:https://twitter.com/GraziottoFulvio 
Memberships

Aderiamo a diverse associazioni e networks internazionali, tra i quali:

Global Law ExpertsGLE:Global Law ExpertsExclusive Private Equity law expert in Italy
IR Global, world’s leading legal, accountancy and financial advisersIR Global:IR GlobalExclusive M&A Member in Italy
AAALAAAL:Associazione Avvocati Amministrativisti LiguriSocio Aderente
AIDA-IFLAAIDA-IFLA:Associazione Italiana di Diritto AlimentareSocio Ordinario
AIDENAIDEN:Associazione Italiana di Diritto dell'EnergiaSocio Professionista
Camera Civile di ImperiaCamera Civile:Camera Civile di ImperiaSocio Aderente
Coperture assicurative

Polizza assicurativa #IFL0006526.002587 conforme D.M. 22-9-2016 stipulata con MARSH SpA per i seguenti massimali (esclusi Canada e USA):

  • responsabilità civile professionale: massimale di € 2 milioni per sinistro e per periodo assicurativo
  • responsabilità civile terzi conduzione ufficio: massimale di € 500 mila per sinistro e € 2 milioni e per periodo assicurativo
  • responsabilità civile prestatori d'opera: massimale di € 500 mila per sinistro e € 2 milioni e per periodo assicurativo
Dove operiamo

Anche se assistiamo le aziende in tutta Italia e all'estero, per un primo consulto ai nuovi clienti suggeriamo sempre di fissare un appuntamento presso i nostri uffici principali a Sanremo (Imperia): questo consente di inquadrare correttamente le questioni, e dare subito al cliente le prime indicazioni concrete.

In caso di eccessiva lontananza, è possibile concordare un primo appuntamento telefonico.

Operiamo più frequentemente nelle seguenti località e regioni:

  • Sanremo, Imperia, Savona, Genova, Alessandria, Torino, Milano

  • Liguria, Piemonte, Lombardia, Toscana, Emilia-Romagna, Veneto

Inoltre siamo in grado di prestare un'assistenza globale in oltre 150 giurisdizioni all'estero.

Vuoi approfondire? Contattaci  IT  EN