Dettagli/Details
L'opzione «put» sulle quote sociali non costituisce una violazione del patto leonino ex art. 2265 c.c.
A cura di Fulvio Graziotto

Il Tribunale di Milano, Sez. Specializzata in materia di imprese, ha recentemente affrontato (sentenza n. 9301 del 06-08-2015) questioni in materia societaria inerenti a un opzione put (opzione con la quale una parte può esercitare il diritto a vendere a condizioni predeterminate) e all'arbitrato irrituale, e alla asserita violazione dell'art. 2265 del c.c. sul divieto del cd. "Patto leonino" («E' nullo il patto con il quale uno o più soci sono esclusi da ogni partecipazione agli utili o alle perdite»).

In sintesi, oltre agli aspetti che il Tribunale ha affrontato relativamente all'arbitrato irrituale, viene affermato che l'opzione 'put' non costituisce una violazione del patto leonino perché l'opzione è esercitabile in una specifica finestra temporale, e non è quindi una esclusione assoluta e costante, che non risponda a interessi meritevoli di tutela, dal diritto di partecipare ai risultati della società.

Questi i fatti: una srl ha ottenuto il decreto ingiuntivo con il quale è stato intimato al sig. M. di pagare in ragione di quanto dovutole in forza di lodo irrituale, a titolo di risarcimento dei danni per inadempimento del patto di opzione 'put' su partecipazioni societarie, esercitato dalla srl in forza del contratto stipulato dalle parti.

Con atto di citazione il sig. M. ha proposto opposizione chiedendo la revoca del decreto ingiuntivo e la dichiarazione di invalidità del lodo lamentando, quanto all'invalidità del lodo, quanto segue:


  • la violazione del principio del contraddittorio, perché gli arbitri avrebbero pronunciato ultra petita; a suo dire avevano posto a fondamento della propria decisione, la violazione del par. 8.7 del Contratto Opzioni, profilo a suo dire non dedotto dalla parte avversa.

  • l'evidente errore di diritto compiuto dagli arbitri nell'interpretare la clausola 8.8 del contratto, in quanto derivato da errore di fatto, sul presupposto che la dicitura inserita in detta clausola, ossia l'espressione "far quanto necessario e/o ragionevolmente richiesto per il trasferimento della Quota in caso di esercizio della Opzione Call" non avrebbe potuto essere forzata al punto da ritenere che M. avesse l'obbligo di eliminare la clausola di prelazione dallo statuto; in altri termini, gli arbitri erano incorsi in un errore di interpretazione, originato – in tesi - da un macroscopico errore di fatto, cioè da un'errata percezione della realtà scaturita dalle clausole del contratto opzioni.

  • la manifesta iniquità del lodo, che ometteva di valutare il comportamento tenuto dalla srl, laddove gli arbitri avevano attribuito gli oneri derivanti dalla clausola bilaterale di cui al punto 8.8 ad esclusivo carico di M..

  • l'assenza di equità al momento della quantificazione del danno che, inspiegabilmente ed incomprensibilmente, era stato riconosciuto in forma integrale.

  • il dolo degli arbitri.


Il Tribunale così afferma:

«... La parte M. non ha poi specificato gli elementi in fatto su cui si fonderebbe il dolo degli arbitri, sicché tale profilo di impugnazione appare palesemente sguarnito di ogni dimostrazione.

Neppure si può fondatamente sostenere che l''opzione put' abbia realizzato un patto leonino contrario al precetto inderogabile ex art. 2265 cc.

Merita d'essere avallato il principio enunciato già da tempo dalla giurisprudenza di legittimità, secondo il quale si verte in ipotesi di patto leonino solo nei casi in cui l'esclusione di un socio dalle perdite o dagli utili sia assoluta e costante e non risponda a interessi meritevoli di tutela.

Quanto agli aspetti di meritevolezza, è sufficiente rilevare che l'opzione 'put' prevista nel contratto rientrava – secondo quanto pare incontestato in causa - in una complessa operazione finalizzata a consentire l'integrazione societaria ed industriale» tra le due società. (omissis)

«assenza del carattere assoluto e costante dell'esclusione dalle perdite – che l'opzione aveva una durata limitata nel tempo, poiché era esercitabile in una ristretta finestra temporale, sicché in caso di mancato esercizio la srl sarebbe rimasta nella compagine sociale di ... con piena partecipazione a utili e perdite.»



Qui di seguito la disposizione citata:

Codice Civile - Vigente al: 10-11-2015

Sezione II Dei rapporti tra i soci

Art. 2265 - Patto leonino

E' nullo il patto con il quale uno o più soci sono esclusi da ogni partecipazione agli utili o alle perdite.

Assistenza su questo argomento

Serve assistenza su questo argomento?

Può essere utile sapere che ci occupiamo anche di tutte le questioni e problematiche legali collegate, tra cui:

  • assistenza in sede stragiudiziale
  • assistenza in sede giudiziale e di contenzioso
  • azioni e tutela a difesa, esecutive e cautelari
  • consulenza
  • due diligence legale
  • esecuzione anche all'estero
  • pareri e raccomandazioni
  • revisione/stesura dei testi
  • ricerche di giurisprudenza sull'argomento
  • riduzione dei rischi legali
  • supporto operativo legale

Qui sotto trovi tutti i riferimenti dello Studio per contattarci con la modalità preferita:

Riferimenti

 

Studio Graziotto

Ufficio principale:
Via G. Matteotti, 194
18038 Sanremo IM
ITALY
Si riceve solo su appuntamento
(recapiti e corrispondenti in varie città)

Richieste:
Appuntamenti: In videoconferenza (Skype®, ecc.)
" In Studio a Sanremo
" Telefonici
" Presso il Cliente
Consulenza: Richiedi una Consulenza
Preventivi: Chiedi un Preventivo gratuito
Domiciliazioni: Domiciliazioni Tribunale di Imperia
Contattaci: Compila il modulo

Riferimenti:
Tel: 0184 189 4317
Fax: 0184 509 510
SMS: 348 001 7380
Email: info@studiograziotto.com
Web: http://www.studiograziotto.com

Prime informazioni e Tariffe:
Info e Tariffe: Informazioni di sintesi e tariffe
Assistenza giudiziale: D.M. Giustizia N. 55 2014 - Nuovi Parametri Forensi

Profilo del Titolare:
LinkedIn®: https://www.linkedin.com/in/fulviograziotto
Scheda di sintesi: Profilo professionale (sintetico)


©
Per aggiornarsi facilmente e rimanere in contatto Aggiornarsi è semplice: aggiungetemi ai vostri contatti e rimarremo in contatto più facilmente.
FacebookFacebook:https://it-it.facebook.com/public/Fulvio-Graziotto
Google+Google+: https://plus.google.com/u/0/+FulvioGraziotto
LinkedInLinkedIn:https://it.linkedin.com/in/fulviograziotto
TwitterTwitter:https://twitter.com/GraziottoFulvio
Memberships
Global Law ExpertsGLE:Global Law ExpertsExclusive Private Equity law expert in Italy with Global Law Experts
IR Global, world’s leading legal, accountancy and financial advisersIR Global:IR GlobalExclusive M&A Member in Italy with IR Global
AAALAAAL:http://www.avvocatiamministrativistiliguri.itAssociazione Avvocati Amministrativisti Liguri
AIDA-IFLAAIDA-IFLA:http://www.aida-ifla.itAssociazione Italiana di Diritto Alimentare
AIDENAIDEN:http://associazioneaiden.it Associazione Italiana di Diritto dell'Energia
Camera Civile di ImperiaCamera Civile: Camera Civile di Imperia
Coperture assicurative

Polizza assicurativa #IFL0006526.002587 conforme D.M. 22-9-2016 stipulata con MARSH SpA per i seguenti massimali (esclusi Canada e USA):

  • responsabilità civile professionale: massimale di € 2 milioni per sinistro e per periodo assicurativo
  • responsabilità civile terzi conduzione ufficio: massimale di € 500 mila per sinistro e € 2 milioni e per periodo assicurativo
  • responsabilità civile prestatori d'opera: massimale di € 500 mila per sinistro e € 2 milioni e per periodo assicurativo