Dettagli/Details

Corte di Cassazione: la nullità degli atti tributari non è rilevabile d'ufficio

Commento a Decisione Giurisprudenziale - A cura di Fulvio Graziotto - Avvocato in Sanremo (Imperia)

Una recente sentenza della Cassazione (18448/2015) affronta nuovamente il tema della rilevabilità d'ufficio degli atti di accertamento affetti da nullità.

La disposizione di riferimento è l'art. 42 del D.P.R. n. 600/1973, il quale all'ultimo comma recita: «L'accertamento è nullo se l'avviso non reca la sottoscrizione, le indicazioni , la motivazione di cui al presente articolo e ad esso non è allegata la documentazione di cui all'ultimo periodo del secondo comma.»

La Suprema Corte, affrontando un caso in cui la società contribuente impugnava alcune cartelle di pagamento relative ad atti di accertamento divenuti definitivi, invocandone la loro illegittimità perché mancanti non solo di timbro e sigillo, indicazione della qualifica del funzionario competente, ma anche con firma illeggibile.

In primo grado la Commissione Tributaria Provinciale ha respinto il ricorso della società, mentre in appello la Commissione Tributaria Regionale ha dato ragione al contribuente, affermando che anche nel giudizio tributario il vizio di nullità per mancanza degli elementi essenziali è rilevabile d'ufficio dal collegio e comporta l'invalidità dell'atto, e quindi la nullità è deducibile anche dal contribuente nei confronti di un atto già definitivo perché non impugnato.

L'Ufficio ha proposto ricorso per Cassazione, lamentando anche che non era ammissibile l'eccezione del contribuente, proposta solo impugnando la cartella (atto esecutivo), relativa alla nullità dell'atto impositivo divenuto definitivo a causa della mancata impugnazione.

La Cassazione ha accolto la tesi dell'Agenzia, affermando che la sanzione della nullità prevista dal citato art. 42 D.P.R. 600/1973 non è direttamente rilevabile d'ufficio dal giudice.

Il ragionamento della Cassazione è il seguente: l'attività tributaria costituisce un sottosistema di quella amministrativa, nei confronti della quale si pone in rapporto di specialità: ne consegue che, in mancanza di diversa previsione del legislatore, l'invalidità o l'annullabilità dell'atto deve essere sollevata dal contribuente mediante impugnazione nei tempi e nelle forme richieste.

In mancanza, l'atto tributario, seppure affetto da nullità, si consolida e diviene definitivo: massima attenzione, quindi, a seguire la regola d'oro, cioè proporre tutte le eccezioni e le difese nell'atto di impugnazione originario.

Qui di seguito il testo della disposizione richiamata:


DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 29 settembre 1973, n. 600 Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi.

Vigente al: 12-11-2015

Art. 42 - Avviso di accertamento

Gli accertamenti in rettifica e gli accertamenti d'ufficio sono portati a conoscenza dei contribuenti mediante la notificazione di avvisi sottoscritti dal capo dell'ufficio o da altro impiegato della carriera direttiva da lui delegato.

L'avviso di accertamento deve recare l'indicazione dell'imponibile o degli imponibili accertati, delle aliquote applicate e delle imposte liquidate, al lordo e al netto delle detrazioni, delle ritenute di acconto e dei crediti d'imposta, e deve essere motivato in relazione ai presupposti di fatto e le ragioni giuridiche che lo hanno determinato e in relazione a quanto stabilito dalle disposizioni di cui ai precedenti articoli che sono state applicate, con distinto riferimento ai singoli redditi delle varie categorie e con la specifica indicazione dei fatti e delle circostanze che giustificano il ricorso a metodi induttivi o sintetici e delle ragioni del mancato riconoscimento di deduzioni e detrazioni. Se la motivazione fa riferimento ad un altro atto non conosciuto nè ricevuto dal contribuente, questo deve essere allegato all'atto che lo richiama salvo che quest'ultimo non ne riproduca il contenuto essenziale.

L'accertamento è nullo se l'avviso non reca la sottoscrizione, le indicazioni, la motivazione di cui al presente articolo e ad esso non è allegata la documentazione di cui all'ultimo periodo del secondo comma.

Assistenza su questo argomento

Serve assistenza su questo argomento?

Può essere utile sapere che ci occupiamo anche di tutte le questioni e problematiche legali collegate, tra cui:

  • assistenza in sede stragiudiziale
  • assistenza in sede giudiziale e di contenzioso
  • azioni e tutela a difesa, esecutive e cautelari
  • consulenza
  • due diligence legale
  • esecuzione anche all'estero
  • pareri e raccomandazioni
  • revisione/stesura dei testi
  • ricerche di giurisprudenza sull'argomento
  • riduzione dei rischi legali
  • supporto operativo legale

Qui sotto trovi tutti i riferimenti dello Studio per contattarci con la modalità preferita:

About us - Riferimenti completi del nostro Studio Legale
Scopri i Riferimenti completi del nostro Studio Legale
Indirizzo e riferimenti per il contatto
Studio Graziotto

Ufficio principale:
Via G. Matteotti, 194
18038 Sanremo IM
ITALY
Si riceve solo su appuntamento
(recapiti e corrispondenti in varie città)

Riferimenti:
Tel: 0184 189 4317 - 0184 509631
Fax: 0184 509 510
SMS: 348 001 7380
Email: info@studiograziotto.com
Web: http://www.studiograziotto.com

Richieste:
Appuntamenti: In videoconferenza (Skype®, ecc.)
" In Studio a Sanremo
" Telefonici
" Presso il Cliente
Consulenza: Richiedi una Consulenza
Preventivi: Chiedi un Preventivo gratuito
Contattaci: Compila il modulo

Prime informazioni e Tariffe:
Info e Tariffe: Informazioni di sintesi e tariffe
Assistenza giudiziale: D.M. Giustizia N. 55 2014 - Nuovi Parametri Forensi

Profilo del Titolare:
LinkedIn®: https://www.linkedin.com/in/fulviograziotto
Scheda di sintesi: Profilo professionale (sintetico)
Scopri l'Indirizzo del nostro Studio Legale sulla mappa
I nostri uffici principali in Sanremo (Imperia)
Scopri il QR Code con i dati completi del nostro Studio Legale
QR Code con i dati di contatto completi

Leggendo il QR Code con il cellulare è possibile salvare nella rubrica i dati di contatto e l'URL al profilo con i riferimenti completi:

Scopri le Coperture assicurative del nostro Studio Legale
Coperture assicurative

Polizza assicurativa # IFL0006526.026917 conforme al D.M. 22-9-2016 stipulata con AIG Europe Limited - Responsabilità civile professionale per i seguenti massimali (esclusi Canada e USA):

  • responsabilità civile professionale: massimale di € 3 milioni per sinistro e per periodo assicurativo
Vuoi approfondire? Contattaci  IT  EN